Orfeo

Inconsapevole Orfeo

Io nel mio erebo vidi l’arpeggio dei tuoi respiri

E corsi verso la melodia

Poi una delle tue corde si ruppe

E io mi smarrii ancora

Dai tuoi rizomi proveniva un pianto gutturale

Divenni sposa del tramonto più violaceo

Le mie vesti bianche urlavano nel loro fruscio

E l’alchimia delle nostre carezze sussurrate

Divenne infinitesimale

Ma non voleva morire

Erika Scalo

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano