Aquila attacca gatto e lo divora

Un felino è diventato preda di un rapace: la scena agghiacciante ripresa dalle telecamere

La convivenza con la fauna selvatica non è solo problematica nella relazione con l’uomo. La prossimità con habitat naturali che accolgono diverse specie di animali può comportare un cambio di stile di vita. Si tratta di adattarsi all’ambiente e al territorio in cui si risiede. Dal mare alla montagna, le abitudini cambiano. Volpi, faine, lupi, alcuni rettili e molti altri esemplari selvatici sono pericolosi per gli animali domestici. Nelle campagne è infatti frequente che una volpe attacchi un gatto o cuccioli di cane. In alcune aree c’è chi deve fare i conti anche con i grandi rapaci che sono estremamente feroci e veloci. Dal 5 febbraio rimbalza sui social, un video agghiacciante condivisibile al link https://www.youtube.com/watch?v=UKIpZtSNEvw, che mostra l’attacco di un’aquila ad un gatto. Con un cellulare  è stata ripresa tutta la dinamica dell’aggressione. Si vede chiaramente il modo in cui l’aquila riesce a catturare con i suoi arti un gatto. Il felino reagisce, ignaro del pericolo ma invano. L’attacco del rapace si è rivelato essere fatale, infatti poco distante dal luogo in cui è avvenuto è stata ritrovata la carcassa del gatto. La letteratura scientifica è piene di casi in cui aquile attaccano animali di ogni tipo, da piccole prede come conigli, per passare a prede più grandi come cervi e coyote, riportano New Scientist e Nature World News. Nel 2004 è stato addirittura registrato il caso di uno di questi rapaci che si è avventato su un cucciolo di orso. Quando cerca cibo, l’aquila non fa distinzioni tra la sua solita preda e un gatto. Tuttavia, poiché il gatto è di solito più pesante di un coniglio o di un topo, l’aquila non è in grado di volare via con esso. Lo uccide e lo mangia a terra. In generale, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”,  consiglia ai proprietari di gatti di non far uscire i cuccioli fino a quando non sono stati svezzati e hanno raggiunto una certa dimensione. Secondo le statistiche, la maggior parte dei gatti feriti ha meno di due anni.

CS Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”

Recommended For You

About the Author: PrM 1