Talarico: “responsabilità e del confronto dialettico, tra minoranza e maggioranza”

20120323-142223.jpgFrancesco Talarico ha illustrato i dati dell’attività del Consiglio regionale nel 2011, insistendo sul concetto di “condivisione, costruito nell’ottica della responsabilità e del confronto dialettico, tra minoranza e maggioranza”. Il Presidente ha ricordato “le oltre trecento leggi abrogate; il taglio da quattro a due assessori regionali esterni e la cancellazione della figura del sottosegretario, decisioni frutto di un voto comune in Consiglio. Ma nel corso di quest’anno – ha continuato Talarico – saremo chiamati a decidere importanti processi di riorganizzazione degli enti sub regionali. Un lavoro imponente, ma necessario, per riequilibrare le risorse. Un cantiere istituzionale aperto con l’obiettivo di concludere questi grandi appuntamenti entro il 2012”. Nel corso del 2011 le sedute dell’Assemblea sono state 15. Diciassette le riunioni dell’Ufficio di presidenza; undici le Conferenze dei capigruppo; cinquantuno le interrogazioni con il question time; cinquantadue le leggi approvate e ventotto i provvedimenti amministrativi e, infine, undici le mozioni approvate. “Spesso – ha detto Talarico – la grande stampa ci ha tacciato di scarsa produttività. Posso però dire che questo Consiglio, per ogni sua seduta, contrariamente alla media di tante altre Assemblee, porta in discussione numerosi argomenti all’ordine del giorno e tutti di particolare importanza, com’é dettato dalla nostra condizione di regione in difficoltà. Vogliamo lavorare, infatti, senza contravvenire a due concetti fondamentali, il bene comune e la solidarietà, senza i quali diventa veramente difficile liberarci dalle condizioni storiche in cui viviamo”. Tra le leggi approvate nel 2011 quelle per l’istituzione dell’enoteca e dell’elaioteca regionale; l’istituzione della Commissione regionale antimafia; la legge per le agevolazioni in favore dei testimoni di giustizia e dei loro congiunti; le norme a tutela dei rischi di contaminazione dell’amianto; l’istituzione del centro regionale del sangue; la legge per la promozione dei prodotti alimentari da filiera corta e di qualità e la tracciabilità dei procedimenti amministrativi. Talarico ha annunciato, infine, che il Consiglio si avvarrà dell’apporto di un Segretario generale che avrà il compito di coordinare il lavoro legislativo preparatorio per ridurre i rischi delle impugnative del Governo per presunte illegittimità costituzionali

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano