OIM: le morte dei migranti sono aumentate

Missing Migrants dell’OIM, ha comunicato che almeno 5.684 persone sono morte, durante le rotte migratorie verso e all’interno dell’Europa, da inizio 2021. Le vittime registrate sono aumentate a dismisura nel Mediterraneo e lungo i confini dell’Europa.

Julia Black, autrice di un nuovo rapporto dell’OIM sui dati del progetto “Missing Migrants, ha dichiarato: “Dal 2014 abbiamo registrato più di 29.000 decessi lungo le rotte migratorie che portano verso l’Europa.Questi continui decessi ci ricordano ancora una volta la necessità di istituire percorsi legali e sicuri per la migrazione”

Nel Mediterraneo centrale i morti registrati dal 2021 al al 24 ottobre 2022 sono 2.836, in aumento rispetto a quelli tra il 2019-2020 che sono stati 2.262.

Il rapporto dell’OIM, ha scritto che le morti potevano essere evitate: “avrebbero potuto essere evitate con un’assistenza tempestiva ed efficace ai migranti in difficoltà. I racconti dei sopravvissuti raccolti dall’OIM indicano che, dal 2021, almeno 252 persone sono morte durante presunte espulsioni forzate da parte delle autorità europee, note ai più anche come respingimenti” (fonte: Ansamed.it).

AO

banner video

Recommended For You

About the Author: Pr3