Recasi. Il neo dirigente del Patrimonio Edilizio Alfredo Priolo

 

Al Settore Patrimonio edilizio del Comune si è insediato il dirigente Alfredo Priolo, attuale comandante dei Vigili Urbani di Reggio Calabria. Il neo dirigente continuerà il lavoro sino ad ora svolto dai suoi predecessori, dal segretario generale del Comune Piero Emilio ed Enzo Cuzzola già dirigente settore Finanze e Tributi, per “ripristinare la legalità mettendo fine ad abusi ottemperati da cittadini che non hanno alcun diritto di avere un alloggio popolare”. “Possiamo avvalerci di una grande macchina amministrativa che, oltre a funzionare bene, ha una buona interazione con il personale comunale e le società Recasi, Reges e Sati coinvolte nella dismissione edilizia sia per il primo che per il secondo bando. Sin dall’inizio, si è instaurata una perfetta sinergia tra le parti e i dipendenti delle società miste che hanno offerto un servizio decisivo per il processo di dismissione e di valorizzazione del patrimonio – afferma il dirigente Priolo – La dismissione del patrimonio edilizio è il procedimento più importante per quanto riguarda la vita del Comune”. Come successo per il primo bando pubblico che ha coinvolto le società miste Recasi, Reges e Sati anche per il secondo, si sta procedendo a verificare i requisiti e le eventuali irregolarità fatte da soggetti non idonei che hanno occupato abusivamente alloggi popolari. “In questi anni purtroppo, sono state commesse molte infrazioni e ora dobbiamo aggredire tutti quei fenomeni di occupazione abusiva degli immobili comunali nella speranza di dare un chiaro segnale di legalità alla comunità. Più tarda sarà la risposta del Comune tanto più si ingenera la convinzione che è possibile continuare a mantenere questi comportamenti illegali. In questi ultimi anni, – afferma il comandante Priolo – sono state fatte oltre 100 denunce penali per occupazione abusiva di immobili scaturite da oltre 300 controlli per tale finalità. Certo, terremo presente il disagio sociale ma non consentiremo più a chi ha violato sino ad oggi le regole di occupare una casa che non gli spetta. In settimana comunque, completeremo il monitoraggio di tutte le situazioni pendenti ed entro fine mese con il responsabile del servizio operativo della Polizia Municipale, predisporremo un piano per quanto riguarda gli sgomberi che possono essere seguiti d’intesa tra il Settore patrimonio e la Polizia municipale”.

banner

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano