Giornalist​a non pagata: condannato Il Quotidiano della Calabria - Ilmetropolitano.it

Giornalist​a non pagata: condannato Il Quotidiano della Calabria

mammiLOCRI (Reggio Calabria) – Il giudice monocratico del Tribunale di Locri ha condannato la “Finanziaria Editoriale srl” al pagamento delle spettanze non corrisposte alla giornalista Cesarina Riccio, collaboratrice da Roccella Jonica de “Il Quotidiano della Calabria”.
Cesarina Riccio, dopo oltre un anno di collaborazione, consistita nella stesura di 114 tra servizi e articoli regolarmente pubblicati da “Il Quotidiano della Calabria”, ha detto basta alle promesse di pagamento non mantenute, ponendo, così, fine ad una situazione di sfruttamento che offendeva la sua dignità umana e professionale. Iscritta nell’elenco pubblicisti dell’Ordine dei giornalisti della Calabria dal 9 luglio 2010, si è rivolta al Sindacato Giornalisti della Calabria per rivendicare le spettanze maturate dal giorno di iscrizione all’Albo: sei mesi di collaborazione, da luglio a dicembre 2010. Nella memoria di costituzione, la Finedit ha addirittura sostenuto che nessuna autorizzazione e/o richiesta era stata fatta dalla società convenuta, arrivando ad affermare di non avere alcuna cognizione dell’attività svolta da Cesarina Riccio. Tesi, questa, naturalmente smentita dall’evidenza dei fatti: gli articoli pubblicati nell’arco di oltre un anno a firma della giornalista. Nella causa civile di primo grado, in parziale accoglimento delle richieste avanzate dalla giornalista (che aveva chiesto l’applicazione del tariffario), rappresentata e difesa dall’avv. Mariagrazia Mammì dell’Ufficio Legale del Sindacato Giornalisti della Calabria, il giudice Marcello Foti ha condannato la “Finanziaria Editoriale srl” al pagamento di euro 2607,50, oltre agli interessi delle singole scadenze. “Il caso di Cesarina Riccio, – sottolinea il segretario del Sindacato Giornalisti della Calabria, Carlo Parisi, vicesegretario nazionale Fnsi – che è solo l’ultimo in ordine di tempo, non fa altro che confermare il dovere del giornalista, o aspirante tale, di non derogare al diritto di farsi pagare. Accettare di lavorare gratis o, peggio, sottostare all’umiliante via crucis a cui molti vengono costretti per rivendicare le spettanze dovute non rientra certo tra i dettami della deontologia professionale”.Giornalisticalpiccolo “Se vogliamo definirci giornalisti, – conclude Carlo Parisi – dobbiamo avere rispetto delle elementari norme che regolano la professione giornalistica, il diritto del lavoro e la tenuta di un sistema che impone a tutti – senza eccezione alcuna – di non intendere il giornalismo alla stregua di un hobby. Un sistema che non si preoccupa di assicurare a quanti di lavorano dignitosi compensi e tutele previdenziali e assistenziali, non fa altro che livellare verso il basso la qualità del prodotto, quindi dell’informazione. La parola d’ordine, dunque, è sempre la stessa: uno scatto di dignità in difesa della professione, senza la quale non esiste qualità dell’informazione”.

http://www.giornalisticalabria.it/2013/09/21/giornalista-non-pagata-condannato-il-quotidiano/#more-98055

comunicato stampa –  www.giornalisticalabria.it 

banner

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano