Associazione culturale Anassilaos presenta: “Giuseppe Tympani-Poesie e pagine scelte” - Ilmetropolitano.it

Associazione culturale Anassilaos presenta: “Giuseppe Tympani-Poesie e pagine scelte”

Promossa dall’Associazione Culturale Anassilaos congiuntamente con l’Archivio di Stato di Reggio Calabria si terrà giovedì 13 febbraio alle ore 17,00, presso la Sala dello stesso Archivio (Via Lia) la presentazione del volume “Giuseppe Tympani-Poesie e pagine scelte” edito da “La Città del Sole”. Introduce Pina De Felice, Responsabile Poesia Associazione Anassilaos. Relaziona la Prof.ssa Francesca Neri. Intervengono Mirella Marra, Direttore Archivio di Stato, Stefano Iorfida, Presidente Anassilaos, Franco Arcidiaco, editore, Amanda Tympani, nipote del poeta mentre le letture saranno a cura dei Poeti le del Lunedì della Poesia. Insegnante, poeta, animatore culturale Giuseppe Tympani è stato una presenza significativa e importante per la cultura reggina. Nato a Gerace il 18-11-1904, vivrà poi a Reggio Calabria per gran parte della sua vita e nella città dello stretto morirà nel 1981. Orfano di padre Giuseppe frequenta il Seminario da esterno. Presa la licenza ginnasiale, si iscrive al Magistrale di Locri, dove consegue la Maturità. Inizia così la sua attività d’insegnante elementare nelle frazioni di Gerace (Puzzello, Zuccù). Nel 1926 fonda la Federazione Italiana liberi Intellettuali, che insieme a Vincenzo Gerace e Antonio Anile, raduna scrittori e intellettuali calabresi. Il programma della F.I.L.I. era di “difendere la libertà del pensiero e di combattere qualunque manifestazione di pseudo arte”. Nel 1927 pubblica “Rime dell’Adolescenza”. Si iscrive al Magistero di Messina dove consegue nel novembre 1928 l’Abilitazione alla Direzione Didattica e si laurea in Filosofia e Pedagogia l’11 novembre 1931. Nel 1933 ottiene il posto di ruolo a Reggio Calabria ma preferisce la frazione Pellaro vicino alla città. Nel 1938 lascia la scuola elementare e inizia la carriera di professore d’italiano e storia nei vari istituti di Reggio Calabria. Nel 1940 gli muore la figlia Rosetta. Da questo dolore immenso nasce forse la sua più bella opera “Elegia a Rosetta” pubblicata nel 1942. Dopo un periodo di stasi dovuto alla guerra nel 1946 riprende l’attvità della F.I.L.I. che realizza varie manifestazioni. Nel 1948 nasce il primo numero della rivista “Italia Intellettuale” organo ufficiale della F.I.L.I. mensile di varia cultura che Tympani dirige fino alla morte. Pubblica nel 1960 “Soliloqui” Roma; nel 1971 viene pubblicata “La vie et le temps” tradution de Solange de Bresseux” ; nel 1972 “Frammenti di vita” nel 1972 e nel 1975 “Poesie scelte”nel 1975. Accanto alla sua attività letteraria e poetica Giuseppe Tympani si distingue come stimato professore di Italiano e Storia al Magistrale “Gullì” e poi all’Istituto Tecnico Commerciale “R. Piria” fino al 1975 anno in cui è andato in pensione. Muore nella sua casa, pianto dai figli, parenti e amici, Il 14 giugno 1981. Il 2 giugno 2005 l’amministrazione comunale di Gerace gli dedica un convegno e una targa ricordo affissa alla casa natale.

COMUNICATO STAMPA ASSOCIAZIONE CULTURALE ANASSILAOS

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano