L’associazione Eu.Re.Ca della Mediterranea in visita al cantiere Citylife a Milano - Ilmetropolitano.it

L’associazione Eu.Re.Ca della Mediterranea in visita al cantiere Citylife a Milano

L’associazione Eu.Re.Ca (Engineering Union of Reggio Calabria), che opera ormai da anni all’interno dell’Università Mediterranea, si è fatta ancora una volta promotrice, grazie all’impegno dell’Ing Gabriele Candela e dal presidente del gruppo Dott.ssa Federica Suraci, di un’altra ottima iniziativa per gli studenti del dipartimento di ingegneria civile. citylife MilanoIl 7 maggio è stata infatti organizzata una visita guidata al cantiere “Citiylife” a Milano, uno dei più grandi interventi di riqualificazione urbana in attuazione in Europa, al centro dello storico quartiere della Fiera Campionaria. In particolare il progetto, partito da una gara internazionale conclusasi nel 2004, nasce per offrire un nuovo modo di vivere, lavorare e trascorrere il tempo libero in una zona residenziale per vocazione e in posizione strategica, al centro di Milano. City life costituisce un mix bilanciato di funzioni grazie alla realizzazione di tre torri destinate ad uffici (torre Isozaki, torre Libeskid, Torre Hadid), di un parco di 170000mq, un’area commerciale, un’isola pedonale tra le più grandi d’Europa e delle residenze firmate dalle archistar Zaha Hadid e Daniel Libenskid. Grazie alla disponibilità dell’Ing Martino Negri dell’azienda Citylife s.p.a., una delegazione di studenti insieme all’Ing Diego Bruciafreddo (ex Mediterranea), componente del team che ha curato la realizzazione tecnica della torre Isozaki, ha avuto modo di entrare nel vivo del cantiere per seguire la realizzazione dei lavori. In una prima fase sono stati illustrati i dettagli del progetto con particolare attenzione alla gestione del cantiere, ai lavori di realizzazione della torre Isozaki (acquistata da Allianz come nuova sede), alla realizzazione dei parcheggi sotterranei, alla Torre Hadid (nuova sede di Generali) con la sua forma particolare, ed agli scavi per le fondazioni della torre Libeskid. Successivamente, caschetti antiinfortunistica in testa, la delegazione con la guida dell’arch. Pietro Catalano si è recata in cantiere per un sopralluogo e per approfondimenti tecnici. Il momento più emozionante è stato vissuto sicuramente all’interno della torre Isozaki che con i suoi 202 metri di altezza rappresenta l’edificio più alto d’Italia, grazie alla vista mozzafiato offerta dal 24 esimo piano. La visita ha sicuramente costituito un’opportunità unica di approfondimento e confronto tra studenti, tecnici e ingegneri, per capire come avviene la gestione di un progetto di grandi dimensioni e soprattutto per offrire uno spaccato pratico di ciò che viene quotidianamente insegnato in dipartimento. La presenza dell’Ing. Bruciafreddo, ex studente trasferito a Milano, ha inoltre dato un segnale di positività e di come con l’impegno, la passione e la tenacia sia possibile arrivare, partendo dalla Mediterranea a progettare uno degli edifici più importanti d’Italia. Ancora una volta l’associazione Eu.Re.Ca si è confermata saldo punto di riferimento per tutti gli studenti che, spinti da tanta curiosità e intraprendenza, hanno voglia di approfondire e integrare le conoscenze universitarie per arrivare preparati nel mondo lavorativo.

Ing Gabriele Candela

banner

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano