Miss Italia alla Festa del Cinema di Roma indossa l’abito dello stilista Anton Giulio Grande

Miss Italia sul Red Carpet del cinema di Roma. L’incontro con John Travolta: “Bella come l’abito che indossi”

“Sei bellissima ed hai un abito stupendo. Due meraviglie”. Circondati dal pubblico e dai fotografi,  John e Carolina non hanno certamente avuto il tempo per parlarsi a lungo, diciamo solo un saluto, con tanto di stretta di mano. L’attore americano, dopo un passaggio tra i suoi sostenitori assiepati ai bordi del Red carpet della Festa del Cinema di Roma, si è rallegrato con Miss Italia. La sua bellezza, la corona e l’abito dello stilista Anton Giulio Grande hanno rappresentato un’attrattiva straordinaria.

“Sono emozionata, felice. Ho ricevuto un numero incredibile di messaggi di felicitazioni. Il momento di maggior imbarazzo è stato quando io e Alla Zavarina eravamo davanti ai fotografi. Mai visti così tanti insieme e tutti mi chiamavano per nome perché li guardassi, quasi uno per uno. Non ringrazierò mai abbastanza Anton Giulio Grande che ha curato personalmente il mio  abito, apprezzato da tutti”: così’ Miss Italia Carolina Stramare.

La ragazza indossava un pezzo di Alta Moda unico con scollo all’americana in pizzo nero ricamato a mano con coda e balza di tulle, pizzo  e plissé. Lo stilista romano, molto vicino al Concorso Miss Italia, si occupa da oltre 20 anni di sfilate ed è apprezzato su tutte le passerelle internazionali per il valore delle confezioni e per la qualità’ della fattura degli abiti,  propria della mano d’opera italiana. Uno stile che la più bella d’Italia ha esaltato sul Red carpet della festa romana dove era accompagnata, come detto, da Alla Zavarina, responsabile di Rea Academy.

“Sono grata all’azienda partner di Miss Italia – ha detto Carolina – che è tra le più importanti Scuole di alta formazione per il Make Up, ma da diversi anni attiva anche nelle arti visive e nella comunicazione”. Per iniziativa del suo direttore Paolo Secondino, la bellezza di Miss Italia ha occupato per qualche ora la scena della grande rassegna romana.

Recommended For You

About the Author: PrM 1