Manda un video hard al fidanzato con l’amante mentre fanno sesso: sotto accusa per istigazione a suicidio

foto di GNS

Decine i messaggi minatori inviati dalla 35enne: “Tua figlia ballerà sulla tua tomba con il suo nuovo papà”

Una donna della Pennsylvania è accusata di aver ha indotto l’ex fidanzato a suicidarsi dopo avergli mandato una serie di e-mail minatorie e persino un video di lei che faceva sesso con un amante con tutti i più intimi particolari.

La delicata vicenda risale a due anni fa. Secondo l’ufficio del procuratore distrettuale della contea di Westmoreland, la 35enne è stata incriminata quando l’ex compagno 37enne, un ex soldato con cui la donna condivideva un figlio, ha deciso di togliersi la vita dopo aver ricevuto da lei messaggi “atroci”.

Prima di suicidarsi, aveva scritto una toccante lettera d’addio e pubblicato sul suo profilo Facebook la costante raffica di commenti maligni, secondo una dichiarazione del procuratore distrettuale Nicole Ziccarelli. “Il soggetto  potrebbe essere ancora qui oggi se quei messaggi non lo avessero influenzato e incoraggiato a togliersi la vita”, ha dichiarato l’accusa in un comunicato.

La procura sostiene che una delle armi psicologiche usate maggiormente della donna fosse proprio la minaccia di togliergli la figlia e di non fargliela vedere mai più. Secondo alcune prove, la donna gli aveva comunicato che l’uomo con cui si stava frequentando sarebbe diventato il “nuovo padre” della loro figlia.

La donna avrebbe poi continuato ad umiliarlo mandando un filmato in cui la donna consumava un rapporto sessuale con il nuovo partner in occasione della festa della mamma. “Tua figlia lo chiama già papà”, si legge in uno dei messaggi incriminati. “Vai a ucciderti”, avrebbe scritto in un altro messaggio, questa volta dal 2020.

Un invito, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, che è stato drammaticamente ‘accettato’ dall’uomo, che ha deciso di farla finita dopo aver saputo che non avrebbe visto sua figlia per la festa del papà. La donna è ora accusata di istigazione al suicidio e molestie.  È stata citata in giudizio martedì mattina e trattenuta su cauzione; la prossima udienza è fissata per il 27 Giugno.

c.s. – Giovanni D’Agata

banner

Recommended For You

About the Author: PrM 1