Africa: uomo sbranato da un leone mentre era fuori per una passeggiata notturna

Il portavoce della riserva Hartogh Streicher ha riferito della sfortunata scoperta, sottolineando che la decisione dell’uomo di attraversare la riserva dopo il tramonto era severamente vietata

In una svolta straziante degli eventi che mette in luce i pericoli di avventurarsi nella natura selvaggia, la vita di un operaio di 30 anni è stata tragicamente interrotta da un attacco di leone in Sud Africa. J.M., un impiegato della Dinokeng Game Reserve nel Gauteng, è morto dopo essersi avventurato in una spericolata passeggiata notturna all’interno della riserva. In uno spietato sfoggio della pura potenza della natura, un leone si è avventato sull’uomo.

La scena raccapricciante, che è troppo dolorosa per essere pubblicata, ha testimoniato le orribili conseguenze dell’incontro: nell’erba è stato trovato un osso di una gamba. La tragedia è stata scoperta da un dirigente d’azienda la fatidica mattina dopo l’incidente. Il rappresentante della riserva Hartogh Streicher riferì la sfortunata scoperta, sottolineando che la decisione di M. di attraversare la riserva dopo il tramonto era severamente vietata.

Mentre le condoglianze sono state espresse alla famiglia in lutto, Streicher ha ricordato severamente a tutti le regole di sicurezza di base che devono essere osservate all’interno dei confini del rifugio. Sottolineando gli istinti primitivi dei leoni, Streicher ne ha ricordato la natura notturna e le tendenze alla caccia.

I leoni, ha avvertito, possono percepire gli esseri umani come potenziali prede e hanno evidenziato i pericoli insiti nell’ignorare i protocolli di sicurezza. Dopo la tragedia, il santuario ha cercato una guida esperta su come gestire il leone responsabile dell’attacco. In attesa di decisioni sul destino del leone, la priorità, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, era garantire una soluzione responsabile che tenesse conto di tutte le parti coinvolte.

c.s. –  Sportello dei Diritti

banner

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano