Industria: in controtendenza (+2,2%) il cibo spinto dal Natale

In controtendenza con l’andamento generale, il fatturato alimentare cresce anche rispetto allo scorso anno con un aumento del 2,2% a Settembre spinto dal Natale. E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat sul fatturato industriale a settembre. Si tratta di un segnale positivo nella preparazione delle scorte per il Natale in cui tradizionalmente – sottolinea la Coldiretti – si verificano i valori più elevati di consumi alimentari di tutto l’anno.

L’agroalimentare con regali enogastronomici, pranzi e cenoni è, infatti, la voce più pesante del budget che le famiglie italiane destinano alle feste di fine anno, dal Natale al Capodanno. La spesa alimentare – spiega la Coldiretti – è uno speciale indicatore dello stato dell’economia nazionale poiché l’agroalimentare, dai campi fino a negozi e ristoranti, è la prima filiera estesa dell’Italia con un fatturato aggregato annuale di 600 miliardi di euro secondo elaborazioni Coldiretit su dati The European House – Ambrosetti.

I risultati positivi ottenuti sul piano industriale – conclude la Coldiretti – devono trasferirsi alle imprese agricole con una adeguata remunerazione dei prodotti che in molti casi si trovano tuttora al di sotto dei costi di produzione.

comunicato stampa  – fonte:  https://www.coldiretti.it/economia/industria-in-controtendenza-22-il-cibo-spinto-dal-natale

banner

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano