Rovigo: sequestro di 4.500 litri di gasolio agricolo e di un’autobotte: denunciato un imprenditore

A seguito dell’intensificazione dei controlli disposta nell’ultimo periodo dal Comando Provinciale di Rovigo, sono stati molteplici gli interventi eseguiti dalla Guardia di Finanza sul territorio polesano a contrasto dell’illegalità nel settore dei carburanti.

L’ultimo in ordine di tempo ha riguardato un autotrasportatore dell’alto polesine su cui sono cadute le attenzioni investigative del Gruppo della Guardia di Finanza di Rovigo.

Grazie a un’attenta azione, dapprima informativa e poi investigativa, i Finanzieri hanno cominciato a pedinare un camionista sospettato di utilizzare nel proprio camion gasolio destinato all’agricoltura e per ciò a tassazione agevolata.

Una volta individuato il momento buono i finanzieri del Gruppo di Rovigo sono intervenuti sottoponendo a controllo il mezzo, fermato su strada nel corso di un trasporto e, come sospettavano, all’interno del serbatoio di alimentazione hanno rinvenuto gasolio agricolo, senza che l’autotrasportatore ne avesse titolo.

Al primo controllo, infatti, è chiaramente emerso che il gasolio risultava colorato con denaturante tipico dell’uso in agricoltura, utilizzato appunto per marcare il prodotto destinato a quello scopo.

Secondo le prime ricostruzioni investigative, la quantità del prodotto e la destinazione a un uso non agevolato del gasolio hanno fatto contestare in prima analisi all’autotrasportatore il grave reato di cui all’art. 40 del T.U. 504/85. Il controllo è poi proseguito presso la sede della ditta e presso l’abitazione dell’imprenditore dove è stato rinvenuto un ulteriore ingente quantitativo di gasolio agricolo detenuto in una cisterna non autorizzata.

Il risultato dell’operazione complessivamente vede il sequestro di circa 4.500 litri di gasolio denaturato, dell’autobotte, di un serbatoio e di varia documentazione in base alla quale proseguiranno adesso gli accertamenti su altri versanti. Ovviamente l’imprenditore è stato denunziato e la sua posizione è adesso al vaglio della Procura della Repubblica di Rovigo.

Il gasolio agevolato per uso agricolo viene assegnato alle imprese che ne hanno diritto (normalmente, imprese agricole) dall’Agenzia Veneta per i Pagamenti (AVEPA) – Ente della Regione Veneto – e consiste in uno sconto di accisa, pari al 78% per il gasolio e del 51% per la benzina.

La Legge vieta di impiegare prodotti sottoposti ad accisa agevolata – come quello destinato all’agricoltura e contraddistinto da colorante bluastro – ad usi diversi da quelli per cui è destinato, su cui la tassazione è ben maggiore.

Il servizio in questione è il frutto di una complessa attività investigativa e di controllo economico del territorio, fra l’altro connotata da un elevato tecnicismo operativo tipico delle azioni del Corpo della Guardia di Finanza.

Controlli della specie, sollecitati dal Comando Provinciale di Rovigo, verranno ulteriormente intensificati con l’obiettivo di elevare la tutela degli interessi dello Stato e della collettività e assicurare che siano unanimemente rispettati i principi della leale concorrenza a contrasto di tutte le forme di illegalità che inquinano il corretto funzionamento dell’economia legale e del mercato e che danneggiano gli imprenditori rispettosi delle regole.

comunicato stampa Guardia di Finanza Comando Provinciale Rovigo

banner

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano