Una delegazione scientifica cinese della Matacena Foundation in visita a Messina presso gli uffici del Gruppo C&T

“L’amore per l’ambiente di Elio Matacena continua a unire persone e Paesi”

Messina, 26/02/2024 – Storica visita stamattina negli uffici della Caronte & Tourist di una delegazione della Matacena Foundation, parte della Geographical Society of China (GSC), che ha riferito delle attività svolte tra il 2020 e il 2023 dalla stessa Fondazione.

La GSC è un’organizzazione accademica con una tradizione secolare tra le più influenti in Cina e di cui fanno parte oltre quindicimila scienziati e ricercatori. Questo evento non solo rinnova, ma conferma la collaborazione nel campo della ricerca scientifica di due realtà ai lati opposti del globo unite da quel filo rosso di passione per la scienza e impegno per la protezione dell’ambiente che furono del cofondatore di Caronte & Tourist, Elio Matacena.

“La Fondazione voluta da mio nonno continua a vivere nella continuità della sua lungimiranza e sensibilità alle tematiche ambientali – ha ricordato Lorenzo Matacena, AD di C&T.  Il suo amore per l’ambiente, nutrito già in un’epoca in cui non era la tematica non era né cogente né alla moda, continua a unire persone e Paesi lontani, in particolare la Cina dove concentrò molti dei suoi studi e fu riconosciuto come un luminare anche per i meriti nel campo della cooperazione scientifica internazionale”.

Fondata a Pechino nel 2001 nell’ambito della storica collaborazione tra l’armatore e la Repubblica Popolare Cinese, alla presenza dell’allora ministro della Ricerca Scientifica della Repubblica Popolare Cinese e del presidente della Chinese Academy of Science, la Matacena Foundation (di cui è presidente il prof. Bojie Fu, presidente anche della Geographical Society of China) nasce con la missione di promuovere la collaborazione tra scienziati italiani e cinesi per la salvaguardia dell’ecosistema, impegno che nel corso degli anni ha continuato ad alimentarsi attraverso assegnazioni di borse di studio e di lavoro a giovani scienziati, nonché con la promozione di scambi accademici tra l’Italia e la Cina, tutti finalizzati a incrementare gli studi per la protezione dell’ambiente e contribuire allo sviluppo umano e sociale.

L’incontro di oggi ha dato il via a nuovi progetti della Fondazione, rinnovando l’impegno dei membri ad avviare tavoli di lavoro, realizzazione di progetti di ricerca congiunti e lo scambio di conoscenze e tecnologie che affrontino le sfide ambientali globali, purtroppo sempre più urgenti.

Comunicato Stampa

banner

Recommended For You

About the Author: PrM 1