Cassino. Perquisizione veicolare svela busta con monili in oro frutto di truffa ad anziana signora

Nel fine settimana gli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino, predisponevano uno specifico servizio d’iniziativa sulla autostrada A/1 al fine di individuare persone e veicoli sospetti.

L’attenzione dei poliziotti ricadeva su una Lancia Ypsilon, con a bordo due persone, che durante la fase del controllo risultavano avere numerosi pregiudizi di polizia e fornivano dichiarazioni discordanti circa i motivi del loro viaggio tanto da insospettire gli agenti.

L’intuizione dei “centauri” di Cassino risultava essere quella giusta, infatti a seguito di perquisizione del veicolo, veniva rinvenuta, ben occultata, una busta contenente numerosissimi monili in oro.

La meticolosa attività d’indagine da parte dei poliziotti, consentiva di rintracciare in Umbria, in un paesino sul lago Trasimeno, la vittima della truffa, una signora di circa 90 anni.

Il modus operandi sempre lo stesso, una telefonata da parte di un sedicente capitano dei Carabinieri che riferiva di un incidente stradale causato da un suo familiare, che per evitarne l’arresto, bisognava versare una somma di denaro, ad un presunto “delegato.”

Infatti poco dopo, si presentava presso l’ abitazione della vittima, il  delegato per riscuotere la somma di denaro, ma non avendo la donna la disponibilità di contanti, l’uomo si faceva consegnare numerosi monili d’oro a cauzione.

Gli agenti della Polizia Stradale di Cassino, all’esito della ricostruzione dei fatti e delle indagini, traevano in arresto uno dei due occupanti del veicolo e denunciavano in stato di libertà l’altro soggetto.

comunicato stampa –  fonte: https://questure.poliziadistato.it/it/Frosinone/articolo/318365f16bb9df832875664983

banner

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano