Banda larga, trasmesso alla Commissione Europea il Grande progetto predisposto dalla Regione per implementare le reti di accesso delle TLC

ufficio stampa Regione CalabriaPROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA – Un altro dei grandi progetti voluti dalla Giunta regionale, e da finanziare nell’ambito del Por Calabria FESR 2007/2013, entra nella fase operativa. L’Autorità di Gestione del Por Calabria Fesr, Anna Tavano, ha infatti inoltrato alla Commissione Europea la scheda di descrizione del grande progetto “banda larga” che consentirà alla nostra regione di adeguarsi agli standard che le Istituzioni continentali si sono poste come obiettivo da raggiungere entro il 2020 nell’ambito dell’Agenda digitale europea. Il “grande progetto” si definisce “Banda larga e sviluppo digitale in Calabria” e si prefigge di garantire internet veloce e superveloce, portando connettività ad almeno 30 Mbps. Il totale delle risorse previste per la realizzazione del progetto è di 126.894.600 euro; il 40% di questa somma sarà garantito dal contributo dell’Unione Europea, mentre la restante parte sarà a carico della Regione e dello Stato, anche perché responsabile dell’esecuzione del progetto, e quindi formalmente beneficiario del contributo, sarà il Ministero dello Sviluppo Economico-Dipartimento per le Comunicazioni. Ma cosa prevede in concreto il Grande progetto “Banda larga”? Si parte dalla considerazione che, nel prossimo futuro, tutti gli attori operanti nel mercato delle TLC dovranno adeguare le proprie piattaforme alla crescente richiesta di servizi da parte degli utenti; ciò imporrà una evoluzione sia in termini di tipologia di offerta che in termini di quantità di banda supportata. Tutti i segmenti della rete di TLC saranno coinvolti in questa inevitabile evoluzione tecnologica, ma è evidente che è la rete di accesso la porzione di infrastrutture sulla quale si dovranno concentrare gli sforzi finanziari degli Operatori di rete. Ed è altrettanto evidente che ci saranno aree, soprattutto in regioni come la Calabria che scontano ritardi strutturali, che finirebbero con l’essere ancora a lungo marginalizzate anche rispetto all’inevitabile adeguamento tecnologico delle reti TLC. Ecco perché la Regione Calabria, al fine di facilitare la diffusione dei servizi basati su connettività a Banda Ultra Larga ha sviluppato questo “grande progetto” finalizzato alla posa di cavidotti e di cavi ottici per consentire agli operatori di TLC l’implementazione delle reti di accesso a banda ultra larga. L’investimento coinvolgerà, a regime, 53 Comuni calabresi, 43 dei quali con popolazione superiore a 7000 abitanti e 10 con popolazione inferiore; interesserà 363.000 alloggi, di cui 200.000 con fibra disponibile alla base dell’edificio, che potranno essere abilitati ad una connettività di 30 Mbps; saranno inoltre collegati alla banda larga 236 edifici scolastici e 27 presidi sanitari calabresi. La realizzazione del grande progetto “banda larga” porterà ad una consistente riduzione del gap infrastrutturale che la Calabria sconta anche nel settore delle reti TLC e che non verrà certo ridotta dagli interventi che gli operatori del settore hanno programmato nel prossimo triennio 2013/2015. Il grande progetto “Banda larga”, che è coerente con le finalità della linea d’intervento del Por, concorrerà alla diffusione della Società dell’informazione, accrescerà l’accessibilità e la fruibilità di servizi digitali avanzati incrementando anche, di conseguenza, la competitività delle imprese calabresi. L’importanza fondamentale del grande progetto “Banda larga” è stato sottolineato dall’Assessore alla Programmazione nazionale e comunitaria, Giacomo Mancini: “La Calabria -dice Mancini- rischiava ancora una volta di essere marginalizzata, stavolta rispetto ad un piano infrastrutturale di fondamentale importanza per la fruizione dei servizi digitali da parte dei cittadini e, soprattutto, per la competitività delle aziende. Il grande progetto che la Regione ha messo in campo consentirà ai calabresi ed alle imprese di avere, nel futuro, le stesse opportunità offerte nelle altre aree del Paese”.

Comunicato Stampa

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano