Instagram danneggerebbe lo stato psico-fisico degli adolescenti. Facebook ne sarebbe a conoscenza.. - Ilmetropolitano.it

Instagram danneggerebbe lo stato psico-fisico degli adolescenti. Facebook ne sarebbe a conoscenza..

Quando Facebook pagò 1 miliardo di dollari per acquisirla, nel 2012, Instagram era una piccola startup di successo con 13 dipendenti. Quell’anno Facebook per la prima volta aveva avuto un calo di adolescenti, e quella mossa gli avrebbe consentito di compensarlo e andare molto oltre.  Fece poi delle foto il perno di Instagram, con filtri che hanno reso facile per gli utenti modificare le immagini. In seguito aggiunse video, feed di contenuti scelti algoritmicamente e strumenti per ritoccare.

A distanza di quasi dieci anni, Instagram è al centro di un vero e proprio caso. Da uno studio reso noto dal Wall Street Journal, si è appreso che i ricercatori di Instagram hanno studiato gli effetti della piattaforma sullo stato psico-fisico dei suoi fruitori, specialmente sugli adolescenti. Quello che ne viene fuori è molto preoccupante. L’aspetto più grave della questione sarebbe il mancato intervento di Zuckemberg e compagnia.

I senatori Blumenthal e Blackburn hanno deciso di promuovere un’indagine sul modo in cui Instagram colpisce i giovani utenti, sottolineando che l’indagine del Wall Street Journal ha mostrato che la società sapeva che l’app era dannosa. Inoltre, la presidenza della sottocommissione per la protezione dei consumatori, la sicurezza dei prodotti e dei dati, ha affermato di essere in contatto con “un informatore di Facebook” e che “utilizzerà ogni risorsa per indagare su cosa Facebook sapeva e da quando, in quanto il reportage del WSJ potrebbe essere solo la punta dell’iceberg”.

La ricerca di Facebook, in base a quanto riporta il WSJ, condotta negli ultimi tre anni, ha rilevato che l’app sarebbe particolarmente dannosa per le ragazze adolescenti. I ricercatori interni, in un documento del 2019, affermano che Instagram “ha peggiorato i problemi di immagine corporea per una ragazza adolescente su tre“. Secondo la ricerca, gli adolescenti intervistati dalla società hanno anche incolpato Instagram per l’aumento di ansia e depressione.

I dirigenti di Facebook hanno spesso minimizzato tali effetti negativi in pubblico. A Marzo, Mark Zuckerberg ha anzi affermato che la società stava “pensando a una versione di Instagram su misura per i bambini sotto i 13 anni”(!!)

L’indagine del WSJ su Facebook si basa su tantissimi documenti interni. “ Le divulgazioni legali e anonime sono un modo fondamentale per le forze dell’ordine e il Congresso di svolgere il proprio lavoro”, ha affermato John Tye, un avvocato di Whistleblower Aid.

“Il trentadue percento delle ragazze adolescenti ha affermato che quando si sentivano male per il proprio corpo, Instagram le faceva sentire peggio”, questo secondo i ricercatori in una presentazione di diapositive del Marzo 2020. E ancora: “I confronti su Instagram possono cambiare il modo in cui le giovani donne si vedono e si descrivono”; “Gli adolescenti incolpano Instagram per l’aumento del tasso di ansia e depressione”. Tra gli adolescenti che hanno segnalato pensieri suicidi, il 13% degli utenti britannici e il 6% degli utenti americani hanno esternato il desiderio di uccidersi su Instagram. Tutto ciò messo nero su bianco dalla stessa Instagram mentre Zuckerberg, in un’audizione al Congresso nel marzo 2021, quando gli è stato chiesto dei bambini e della salute mentale, dichiarava: “L’utilizzo di app social per connettersi con altre persone può avere benefici positivi per la salute mentale”.

L’espansione della sua base di giovani utenti è vitale per gli oltre 100 miliardi di dollari di entrate annuali dell’azienda. Più del 40% degli utenti di Instagram ha 22 anni o meno e circa 22 milioni di adolescenti accedono a Instagram ogni giorno negli Stati Uniti, rispetto ai cinque milioni di adolescenti che accedono a Facebook. I documenti mostrano anche che Facebook ha compiuto sforzi minimi per affrontare questi problemi e li minimizza in pubblico. Il suo impegno include focus group, sondaggi online e studi nel 2019 e 2020. Include anche sondaggi, su decine di migliaia di persone nel 2021, che hanno abbinato le risposte degli utenti ai dati di Facebook su quanto tempo gli utenti hanno trascorso su Instagram e cosa hanno vi hanno guardato.

I ricercatori sono dipendenti di Facebook che in cinque presentazioni nell’arco di 18 mesi hanno condotto quello che loro stessi hanno definito un “approfondimento sulla salute mentale degli adolescenti”.

Sono giunti alla conclusione che alcuni dei problemi erano specifici di Instagram, e non dei social media più in generale. Ciò è particolarmente vero per quanto riguarda il cosiddetto confronto sociale, ovvero quando le persone valutano il proprio valore in relazione all’attrattiva, alla ricchezza e al successo degli altri.

“Il confronto sociale è peggio su Instagram”, afferma l’approfondimento di Facebook sui problemi dell’immagine corporea delle ragazze adolescenti nel 2020, osservando che TikTok è basata sulle prestazioni, mentre gli utenti su Snapchat, altra piattaforma per la condivisione di foto e video, sono protetti da filtri che “mantengono l’attenzione sul viso”. Al contrario, Instagram si concentra molto sul corpo e sullo stile di vita.

La tendenza a condividere solo i momenti migliori, la pressione per apparire perfetti, e un prodotto che crea dipendenza, possono far precipitare gli adolescenti verso disturbi alimentari, un senso malsano del proprio corpo e depressione, afferma una ricerca interna del Marzo 2020, sempre secondo le carte del WSJ. Avverte che la pagina Esplora, che serve agli utenti foto e video curati da un algoritmo, può indirizzare gli utenti in profondità in contenuti che possono essere dannosi. “Gli aspetti di Instagram si esasperano a vicenda per creare una tempesta perfetta”, afferma la ricerca, che è stata esaminata dai principali dirigenti di Facebook ed è stata citata in una presentazione del 2020 data a Zuckerberg.

Ad Agosto, i senatori Blumenthal e Blackburn hanno invitato Zuckerberg a pubblicarla. In risposta, Facebook ha inviato una lettera di sei pagine senza di essa.  Secondo Blumenthal, “Le risposte di Facebook sono state così evasive che sollevano davvero domande su ciò che Facebook potrebbe nascondere”.

La ricerca di Facebook indica che gli effetti di Instagram non sono dannosi per tutti gli utenti. Per la maggior parte degli adolescenti, gli effetti del “confronto sociale negativo” sono gestibili e possono essere superati dall’utilità dell’app come un modo divertente per gli utenti di esprimersi e connettersi con gli amici. Ma un numero crescente di prove di Facebook mostra che Instagram può essere dannoso per molti.

In uno studio sugli adolescenti negli Stati Uniti e nel Regno Unito, Facebook ha scoperto che oltre il 40% degli utenti di Instagram che ha riferito di sentirsi “poco attraente”, ha affermato che la sensazione è iniziata sull’app. Circa un quarto degli adolescenti che hanno riferito di sentirsi “non abbastanza bene” ha affermato che la sensazione è iniziata su Instagram. Molti hanno anche affermato che l’app ha minato la loro fiducia nella forza delle loro amicizie.

I ricercatori di Instagram hanno notato che coloro che lottavano con gli effetti psicologici della piattaforma non si stavano necessariamente disconnettendo. Gli adolescenti hanno riferito regolarmente di voler trascorrere meno tempo su Instagram ma non avevano l’autocontrollo per farlo.

“Gli adolescenti ci hanno detto che non gli piace la quantità di tempo che trascorrono sull’app, ma sentono di dover essere presenti”, ha spiegato un responsabile della ricerca. “Spesso si sentono ‘dipendenti’ e sanno che ciò che vedono è dannoso per la loro salute mentale, ma si sentono incapaci di fermarsi”.

Ce n’è abbastanza da essere preoccupati, e chi ha figli, e soprattutto figlie, adolescenti dovrebbe agire in qualche modo. Tuttavia, spetta ai vari Governi e Autorità il compito di intervenire senza indugiare oltre.

Nino Mallamaci

Recommended For You

About the Author: PrM 1