Virus mortale scoperto nelle scimmie: sembra in grado di infettare gli esseri umani - Ilmetropolitano.it

Virus mortale scoperto nelle scimmie: sembra in grado di infettare gli esseri umani

Un virus della famiglia degli arterivirus che è già endemico nei primati selvatici in Africa e causa sintomi mortali simili all’ebola nelle scimmie, può saltare agli esseri umani. Lo ha scoperto un nuovo studio statunitense

Secondo un nuovo studio pubblicato dai ricercatori dell’Università del Colorado a Boulder, una famiglia “oscura” di virus già endemica dei primati selvatici in Africa e che causa sintomi mortali simili a quelli dell’Ebola nelle scimmie sembra avere la capacità di saltare agli esseri umani. Sebbene i virus della famiglia degli Arteriviridae (arterivirus) siano già considerati una minaccia significativa per i macachi, fino ad oggi non sono state segnalate infezioni con tali virus nell’uomo. Va anche notato che non è chiaro quanto sarebbe pericoloso un virus di questa famiglia per l’uomo se attraversasse la “barriera delle specie”. Ma gli autori dello studio, tracciando parallelismi con l’HIV (il cui virus precursore è apparso per la prima volta nelle scimmie in Africa), sollecitano la vigilanza, affermando che monitorando la famiglia di virus Arteriviridae ora negli animali e negli esseri umani, la comunità globale può evitare un altro potenziale focolaio futuro. “Questa zoonosi ha trovato un modo per accedere alle cellule umane, moltiplicarsi al loro interno e sfuggire a importanti meccanismi immunitari che ci proteggono dai virus animali. Questo è molto raro”, ha osservato Sarah Sawyer, autrice principale del nuovo studio, professore di biologia molecolare, cellulare e dello sviluppo presso l’Università del Colorado a Boulder, aggiungendo: “Quindi dobbiamo rivolgere la nostra attenzione ai virus della famiglia Arteriviridae”.Per 15 anni, la dott.ssa Sawyer e i suoi colleghi hanno utilizzato tecniche di laboratorio e campioni di tessuto animale provenienti da tutto il mondo per indagare su quali virus animali potrebbero passare agli esseri umani. Nell’ultimo studio, il professore e primo autore Cody Warren, che era un ricercatore post-dottorato presso il BioFrontiers Institute dell’Università del Colorado, si è concentrato sugli arterivirus, che sono comuni nei maiali e nei cavalli ma sono stati poco studiati nei primati non umani. Hanno esaminato in particolare il virus della febbre emorragica scimmiesca (SHFV) che causa una malattia mortale simile alla malattia causata dal virus Ebola, il virus accusato di focolai mortali nelle comunità di macachi in cattività negli anni ’60. Lo studio ha scoperto che un recettore chiamato CD163 svolge un ruolo chiave nella biologia dell’SHFV, consentendogli di invadere e infettare le cellule bersaglio. Attraverso una serie di esperimenti i ricercatori hanno scoperto, con loro sorpresa, che il virus era in grado di legarsi alla versione umana del CD163, entrare nelle cellule umane e moltiplicarsi al loro interno. Come con il virus dell’AIDS HIV e il suo virus precursore SIV, SHFV sembra attaccare le cellule immunitarie, neutralizzando importanti meccanismi di difesa e assumendo il controllo del corpo. “Ci sono grandi somiglianze tra questo virus e il virus delle scimmie che alla fine ha dato origine alla pandemia di HIV”, ha affermato Warren, che ora è assistente professore presso il College of Veterinary Medicine della Ohio State University. Gli autori dello studio sottolineano che una nuova pandemia non è attesa a breve e chiedono alla popolazione di non allarmarsi inutilmente. Ma hanno aggiunto che le autorità sanitarie pubbliche dovrebbero dare la priorità a ulteriori studi sulla famiglia degli Arteriviridae, sviluppare test anticorpali e indagare sul caso per la sorveglianza delle popolazioni a stretto contatto con potenziali portatori di virus di questa famiglia. E questo perché molte specie diverse di scimmie africane trasportano elevate cariche virali di diversi arteriovirus, spesso senza mostrare sintomi. Alcune di queste specie hanno frequenti contatti con l’uomo. “Il fatto che non abbiamo ancora diagnosticato un’infezione da arterivirus negli esseri umani non significa che nessun essere umano sia stato esposto a questi virus. Semplicemente non l’abbiamo cercato”, ha sottolineato il dottor Warren. Il dottor Sawyer ha affermato che non ci può essere alcuna garanzia che gli arteriovirus delle scimmie saltino sugli esseri umani. Ma come ha detto, una cosa è certa: ci saranno altri virus che attraverseranno la barriera delle specie e causeranno malattie negli esseri umani. “COVID è solo l’ultimo esempio di una lunga catena di eventi virali da animale a uomo, alcuni dei quali hanno causato una catastrofe globale. La nostra speranza è che, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, essere informati su quali virus prestare attenzione ci aiuti a essere preparati in modo che se ci sono nuovi virus animali potenzialmente pericolosi che infettano l’uomo, possiamo reagire rapidamente e prevenire una nuova pandemia.

Comunicato Stampa “Sportello dei Diritti”

banner

Recommended For You

About the Author: PrM 1