Gioia Tauro (RC): sequestrate 2 aree comunali adibite a discarica abusiva

Presenti rifiuti pericolosi e industriali

Nell’alveo di una più articolata attività volta al contrasto dell’illecito abbandono di rifiuti sul suolo pubblico, i Carabinieri della Stazione di Gioia Tauro, coadiuvati da personale del Nucleo Forestale Carabinieri di Cittanova, hanno sequestrato due aree che, per numero e tipologia di rifiuti presenti, avevano assunto la destinazione di discarica abusiva ed inquinante.

Nello specifico, nell’ambito di servizi coordinati volti a prevenire illeciti ambientali, i militari sottoponevano a sequestro l’area insistente in una intersezione nei pressi di via Ciambra del Comune di Gioia Tauro, da tempo oggetto di deposito di materiale di scarto e una seconda area in zona Guardiola.

Nel primo luogo, sottostante al Ponte Petrace, e nei pressi di quel fiume, a poca distanza dalla sua foce, è stata realizzata una discarica non autorizzata e contenente rifiuti pericolosi, tutti completamente sparsi su un’area pubblica. Tra gli altri, erano presenti rifiuti miscelati su un’area di quasi 300 mq: sul terreno nudo erano presenti anche lastre di amianto, scarti di meccanica e autocarrozzeria rimossi da veicoli, rifiuti della lavorazione del legno, pneumatici di varia misura e grandezza.

Nella seconda area, la discarica, estesa per circa 150 mq, è stata riscontrata la presenza di rifiuti di varia natura tra cui pericolose lastre danneggiate di amianto o materiale di risulta proveniente da attività di demolizione edilizia.

In entrambi i casi sono stati rinvenuti anche oggetti ingombranti che sono stati illecitamente lasciati sul suolo pubblico.

Sono messi in atto accertamenti ulteriori finalizzati a verificare l’eventuale presenza di combustibili o oli esausti che potrebbero aver inquinato il terreno circostante soprattutto in presenza di eccessiva persistenza nel sito delle sostanze inquinanti. Il provvedimento odierno si è reso necessario per salvaguardare la salute pubblica della cittadinanza e dei terreni circostanti. Il Primo cittadino del Comune di Gioia, è stato nominato custode dell’area, in attesa degli accertamenti del caso da parte degli organi preposti e delle disposizioni dell’Autorità Giudiziaria di Palmi.

Non è il primo intervento posto in essere dai Carabinieri di Gioia Tauro con il fine di prevenire e reprimere gli illeciti di natura ambientale. Si ricordi, ad esempio, nel 2021, il sequestro di 4 aree comunali dove erano presenti, accatastati da tempo, numerosissimi cumuli di rifiuti di tutti i tipi o la recente ispezione svolta, il mese scorso, presso il fiume Petrace, ove venivano denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Palmi poiché ritenuti responsabili di aver realizzato una cava di più di 15 metri di profondità e 20 di larghezza, senza le previste autorizzazioni. L’area in questione era stata sequestrata, unitamente a 2 mezzi d’opera utilizzati dagli indagati anche perché erano emersi indizi in ordine a possibili attività di estrazione illecita di materiali.

I Carabinieri della Piana di Gioia Tauro, supportati dalla componente specialistica dell’Arma forestale, attraverso una costante azione di prossimità, di educazione alla legalità ambientale e di contrasto agli illeciti connessi, stanno svolgendo un’azione sinergica con il fine di tutelare l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi della zona.

Il Comune di Gioia Tauro, proprio con la stessa finalità, ha avviato, con il servizio “Differenziamo con Gioia”, un progetto volto a frenare nell’utenza civile scelte inquinanti. Per dissuadere l’abbandono incontrollato di rifiuti, il progetto dell’Amministrazione Comunale si pone l’obiettivo di gestire il servizio di smaltimento dei rifiuti, diminuendone la produzione e favorendone lo smaltimento sostenibile.

comunicato stampa  Comando Provinciale dei Carabinieri di Reggio Calabria

banner

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano