Sottosegretario Bianchi: fondi UE, necessaria una programmazione efficace e mirata

 “I finanziamenti europei rappresentano un’opportunità per lo sviluppo e il rilancio del Mezzogiorno in particolare per il turismo. Però è necessaria una programmazione efficace e mirata. Infatti, quando sono stati effettivamente spesi come è accaduto nel 2015, la crescita del Sud è passata dal -1,2% al +1% come sottolinea il rapporto Svimez”. A dirlo è Dorina Bianchi, sottosegretario al Turismo e deputato di Alternativa Popolare, nel suo intervento al convegno “I Fondi europei per il turismo nel Mezzogiorno” organizzato da Federturismo in collaborazione con Unindustria Calabria e che si è svolto oggi presso Altafiumara Resort. “Il Governo – ha aggiunto – è impegnato per il Mezzogiorno con programmi di sviluppo e sostegno delle attività, che fanno leva sui fondi europei, come Cultura Crea, il Pon cultura e i Patti per il Sud. In  particolare, abbiamo riscontrato dati molto positivi sul monitoraggio dei Patti per il Sud favoriti dal dialogo costante tra il Governo e le Regioni, che permette una efficace conoscenza di ciò che avviene sui territori”. E ha concluso: “Per utilizzare al meglio i fondi, dunque, è necessario inoltre che le Regioni uniscano le forze con i Comuni e le Amministrazioni locali e le forze imprenditoriali e le associazioni per presentare progetti concreti e realizzabili. La politica dei finanziamenti a pioggia appartiene al passato. Oggi bisogna investire nelle grandi opere e nei grandi progetti. Il nostro obiettivo è superare quel gap tra Nord e Sud presente anche nel turismo. Infatti, nonostante la nostra ricchezza, meno del 20% dei flussi turistici è rivolto alle regioni del Sud. Basti pensare che le regioni  meridionali attraggono insieme 4,6 miliardi, meno delle performance del solo Veneto”.

 

 

Recommended For You

About the Author: Miri Pr2