Madagascar. Rajoelina è il nuovo Presidente. “Ora basta Povertà”

Il giuramento il 19 Gennaio, L’UA riconosce il voto ed invoca la pace

(DIRE) Roma, 9 Gen. – E’ Andry Rajoelina il nuovo presidente del Madagascar: a proclamarlo vincitore, la Commissione elettorale e l’Alto consiglio per la riconciliazione, gli organismi deputati a diffondere i dati ufficiali. Come riporta al stampa locale, l’ex presidente del governo di transizione si e’ aggiudicato il 55,66 per cento dei voti, dieci punti in più rispetto al 44,34 per cento dell’avversario sfidato al ballottaggio, Marc Ravalomanana. L’affluenza si è invece attestata al 48 per cento. Dopo l’annuncio, avvenuto nella serata di ieri, Rajoelina ha tenuto un discorso in cui dopo aver ringraziato chi lo ha votato, ha dichiarato: “Farò di tutto per permettere a questo Paese di svilupparsi. E’ ora di salire al primo rango della classifica dei Paesi africani, e smettere di essere gli ultimi tra gli ultimi”.

La Grande isola africana infatti, pur essendo ricca di risorse naturali, è tra le nazioni più povere al mondo: secondo stime della Banca mondiale, il 70 per cento della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà. Dai primi anni duemila, il Paese ha attraversato due gravi crisi politiche, in cui Rajoelina ha svolto un ruolo da protagonista: tra il 2009 – quando aveva soli 34 anni – e il 2014 ha ricoperto la carica di presidente del governo di transizione, un avvicendamento giunto in maniera non democratica secondo la comunità internazionale, che gli ha contestato il colpo di stato. In quell’occasione, l’allora presidente Marc Ravalomanana fu costretto a dimettersi.

Stavolta quindi è il parere delle urne a conferire a Rajoelina la carica di Capo di Stato. Anche il presidente della Commissione dell’Unione africana Moussa Faki Mahamat ha riconosciuto i risultati e ha invitato la popolazione a fare altrettanto, evitando scontri e violenze. La cerimonia del giuramento e’ fissata al prossimo 19 Gennaio. (Alf/ Dire) 12:24 09-01-19

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano