L’inutile duello streaming

renzi_grillodi Fabrizio Pace – Ieri pomeriggio si è svolto a Roma il tanto atteso  incontro formale tra il nuovo premier Matteo Renzi,  accompagnato da parte della sua delegazione parlamentare e il leader del Movimento  5 Stelle Beppe Grillo, anch’egli accompagnato dai vertici del suo “partito”. Nessuno, che capisse un “briciolo” di politica, avrebbe potuto aspettarsi qualcosa di buono da un incontro nato già sotto un cattivo segno. Grillo è stato obbligato a partecipare all’incontro dalle votazioni della sua “base” on line, ma ne avrebbe fatto volentieri a meno… E non si capisce invece la voglia di Renzi di avere un confronto che a lui non poteva arrecare che danno. Infatti danno “vi fu”, dal faccia a faccia escono danneggiate, per motivi ovviamente differenti, tutti e due le figure dei leader.  Chi ha seguito il meeting in streaming sarà sicuramente rimasto inorridito nel vedere due dei più votati uomini politici italiani riuscire a dirsi di fatto nulla di concreto e sprecare così un’altra buona occasione per migliorare le cose nel Paese. Per l’esattezza ha  parlato solo Beppe Grillo, insultando  in maniera garbata l’esterrefatto Renzi,  che in fin dei conti non è riuscito a dire più di ” posso parlare  1 minuto” prima e poi “posso parlare 30 secondi”. Sicuramente il leader del PD ha mostrato una scarsa personalità e una scarsa capacità di adattamento, in quanto probabilmente non si aspettava un trattamento tale, certo se  “timona la barca in tempesta così” siamo davvero messi malissimo. Per attenersi al video che si puo’ trovare ovunque su internet,  l’incontro si apre con Matteo Renzi che dice ” Ti racconto cosa vogliamo fare” e Grillo che non gli lascia finire la frase e già lo sfotte dicendo “Fantastico”… Il nuovo Presidente del Consiglio tenta di esporre alcuni punti del suo programma ( Eliminazione delle Province, Titolo V della Costituzione e Senato) ma viene gelato dal comico genovese che lo schernisce ” Qualsiasi cosa dici non sei credibile” , ” La nostra stima non c’è l’hai” ,”Sei una persona buona ma rappresenti il potere marcio, le banche  i poteri forti, sei un ragazzo giovane ma allo stesso tempo vecchio” . Renzi cerca come al solito tenta di fare il simpatico  “Esci da questo blog” – sorridendo , ma Grillo non gli da il minimo spazio d’ interagire. Alla fine con la coda tra le gambe e con un sorriso di “plastica” (già sfoderato ai tempi di “Enrico stai sereno… “) il leader del PD chiude l’incontro stringendo la mano all’avversario.  Segue  un’amara riflessione a cui indurre gli italiani… Grillo continua a pensare come se vivesse in una dittatura (di sinistra o destra ancora non si è capito, dato che si definisce alle volte conservatore altre volte innovatore). Non vuole assolutamente dialogare con il suo interlocutore di turno, chiunque esso sia…. ma qualcuno dovrebbe spiegargli che per arrivare a comportarsi così bisogna ottenere la maggioranza assoluta dei voti, cosa molto  improbabile per il suo movimento. E’ solo l’ennesima  occasione buona sprecata per ottenere un dialogo alla pari con un’altra forza di governo da cui scaturisce  perdita di consenso popolare tra i molti moderati che lo hanno votato in segno protesta verso il sistema.  Forse questa volta si è notato un pò di imbarazzo dei parlamentari “pentastellati” presenti all’incontro, che avrebbero magari voluto intrattenere un normale dialogo.

Recommended For You

About the Author: Fabrizio Pace

Born in Reggio Calabria (ITA) in 1972, I was a basketball player at a competitive level for many years until, my passion for the internet and for design has led me, after studies, followed by a master for WEB DESIGNER coordinated by one of the most important industries that create software in this area. I started as a freelancer in 2000 and then became the owner of my WEB AGENCY, www.globalnetservice.eu , which is primarily concerned with the creation of websites and networks. In 2010 I created, along with some friends, the daily online www.ilmetropolitano.it , on which I write occasionally, and which are currently the founder and manager