La Presidente Stasi interviene sulla Fondazione Campanella - Ilmetropolitano.it

La Presidente Stasi interviene sulla Fondazione Campanella

A_StasiLa Presidente f.f. della Regione Antonella Stasi – si legge in una nota dell’ufficio stampa – ha inviato una lettera, sottoscritta dai componenti la Giunta regionale, al direttore generale della Fondazione Campanella Mario Martina, a rassegnare le dimissioni per aver disatteso quanto deciso dalla Giunta. La Presidente Stasi e l’esecutivo hanno inoltre invitato il Presidente della Fondazione Falzea a revocare con effetto immediato le lettere di licenziamento ed a predisporre al più presto un Piano di Sviluppo Aziendale che tenga conto della possibilità di ampliare l’attività della Fondazione verso altri settori sanitari, anche oltre quelli di pertinenza oncologica. “Ho incontrato una rappresentanza dei dipendenti i quali si sono scusati per i toni ed i contenuti della recente lettera pubblicata dalle testate giornalistiche, lettera che non riconoscono e che gli stessi dipendenti, hanno tenuto a ribadire i lavoratori che ho incontrato, non hanno sottoscritto. Chiederò alle autorità competenti, nei prossimi giorni, di indagare sull’incresciosa questione. La buona notizia é di qualche ora fa: dopo diverse sollecitazioni, abbiamo infatti avuto riscontro che martedì prossimo il Ministero della Coesione confermerà al Mef la copertura del debito sanitario attraverso i Fas, pertanto le risorse della fiscalità regionale possono essere svincolate e restituite alla Regione Calabria. Questo passaggio fondamentale, se certificato dal Tavolo di verifica ministeriale, consentirà di recuperare risorse per firmare la transazione con la Fondazione Campanella. Comprendo bene le difficoltà manifestate nell’incontro avuto con una rappresentanza delle maestranze. Proprio per questo faremo di tutto per scongiurare i licenziamenti nonostante la competenza della Giunta Regionale in questo momento particolare, é purtroppo, limitata”. m.c.

banner

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano