Pedro, quando il pregiudizio genera fobie immotivate

Riceviamo e pubblichiamo

Catanzaro – “Capita di fermarsi per la strada perché incantati dallo sguardo di un amico a quattro zampe. Capita anche di capire fin da subito se davanti ci troviamo un essere docile e aggressivo, perché gli occhi – che siano umani o animali – sono lo specchio dell’anima. Sono inconfondibili gli occhi di Pedro, un cucciolone di Rottweiler che di tale razza ne ha solo i colori, data la fisionomia talmente dolce che ne mette in dubbio l’appartenenza. Pedro, da qualche anno, diventa la mascotte di un’intera azienda, poiché sceglie di affezionarsi a quel luogo e a quelle persone. Seppur i traumi di un quasi certo abbandono (forse dovuto all’arrivo di qualche bebè in casa), e di qualche incidente causato da una macchina in corsa, Pedro non ha mai perso per un attimo quello sguardo pieno di fedeltà verso una mano amica. Purtroppo, però, capita anche che le fobie personali di qualcuno possano distorcere la realtà, vedendo aggressività anche laddove non c’è. Così si chiama l’accalappiacani, così si allertano i piani alti, così si genera un panico privo di fondamento. Si teme per Pedro, che da un momento all’altro potrebbe scomparire per sempre. Potrebbe, per caso, rischiare accidentalmente e casualmente la vita, proprio perché troppo scomodo. Capita, quindi, che i cuori si raccolgono e che davanti ad episodi del genere, si arrivi ad un piano di difesa: Pedro ha bisogno di una casa, e al più presto. Portarlo via, anche nel più sicuro dei luoghi, non è facile, perché è qui che i traumi tornano a spaventarlo. Veterinari all’opera (e non sono mancate le difficoltà per averne il supporto), Pedro viene accompagnato nella sua nuova casa, da una nuova famiglia e con un suo lieto fine. Eppure un po’ di amaro in bocca resta, perché a volte, purtroppo, non sempre c’è una famiglia adottiva come non sempre c’è un gruppo di audaci che non ci pensa due volte a portare avanti battaglie del cuore.”

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano