Gaetano Richichi vince a Palmi - Ilmetropolitano.it

Gaetano Richichi vince a Palmi

Il kartista sinopolita autore di una grande prestazione.

Rocco Giovinazzo pareggia il tempo in gara-2 ma tocca un birillo. Terzo Francesco Crucitti.

Altri protagonisti Puntorieri,Piria, Guerrera, Rechichi, Fabiano e Bruzzese.

RechichiUna grande lotta fra grandi kartisti, una tenzone giocata fra le postazioni degli 880 metri del percorso cittadino di Palmi, che ha premiato ancora una volta la bravura e la chirurgica velocità di Gaetano Rechichi, protagonista di due manches eccezionali, nelle quali ha globalmente segnato le migliori prestazioni giro dopo giro. Il format del giro di lancio più tre cronometrati, è stato confermato dal direttore di gara Mimmo Condina, il cui team ha anche allestito il circuito: oltre 40 sono stati i piloti delle varie età, provincie calabresi e categorie, che hanno partecipato al primo round del Trofeo “Una corsa per la vita”, il cui secondo atto si correrà in un altro appuntamento tradizionale del calendario delle gare cittadine, quello di Sinopoli del 23 agosto. Una sfida che ha acceso il pubblico fino alle prime ore della notte, dopo lo spettacolo che già si era consumato nelle sessioni di prove libere pomeridiane. In gara-1 Rechichi piazzava la zampata scendendo sotto il 1.30 nel computo dei tre giri e restando sotto i 30 secondi al giro, mostrando di poter stare anche sul passo del 29 basso, come poi effettivamente è stato. La pista, pur essendo più fluida rispetto all’anno scorso con delle gomme al posto della classica postazione di birilli e soft crash nel rettifilo inferiore, non è stata più veloce dell’anno scorso. In gara 1 Rechichi staccava un già ottimo 1.29.08, con Giovinazzo, consueto specialista dei cittadini, in scia con 1.29.52, mentre Nasso si fermava al terzo posto con 1.30.23 a chiudere il podio. Dal quarto posto in poi i distacchi si facevano più corposi, con i piloti della Top Driver ovviamente protagonisti nelle prestazioni. Quanto succedeva nel primo round però, dava l’idea delle performances in freezer per la manche decisiva della tarda serata. In gara-2 gli animi dei piloti si accendevano, quando i tempi stavano stabilmente attorno ai 30 secondi a passaggio. Sciotto,Nasso,Crucitti sono stati sempre dirimpetto ai primi due posti, ma senza riuscire a centrare l’assalto decisivo. Pronti-via della seconda manche per il leader del primo round e Rechichi confezionava un tris di giri eccezionale, tutti sul ritmo del 29 di mezzo con un acuto a 29.3, attraversando le fotocellule dopo 1.28.19, nuovo record ed oltre un secondo meno del timing già da primato del primo stint. I piloti si alternavano sulla pista con l’adrenalina del pubblico a mille per chi avesse provato a battere questo crono eccezionale,aspettando il penultimo pilota in griglia ed ultimo nel poter tentare l’assalto decisivo: Rocco Giovinazzo da Rizziconi. Facile non era affatto, perché andare fortissimo in città a livello terra è sempre roba complicata ed insidiosa, specialmente quando hai l’ultima chiamata con il tuo rivale che ha demolito il suo già tempone con un altro di gara due ancora più iper. Ma il driver pianigiano non si è fatto rosso di paura e ha guidato come solo lui e pochi altri sanno fare nei cittadini. Una straordinaria sinfonia nelle postazioni e tempo di 1.28.19 pareggiato al traguardo. La gioia era tanta, ma era ricacciata in gola da quel birillo toccato e portatore dei previsti 2 secondi di gap sul tempo, quanto bastava per fare restare Giovinazzo al secondo posto di gara-1. Una lotta comunque bellissima fra un adolescente ed un veterano, fra due sicuri protagonisti anche del futuro del TR Kart di Sinopoli. Il podio basso lo conquistava Francesco Crucitti, molto soddisfatto perché ha centrato il tempo con gomme usate, senza montare gomme nuove come quasi tutti hanno fatto. Di certo la quota performance potenziale sarebbe migliorata, seppur in strada il vantaggio per la gomma nuova non sia uguale a quello in pista. Anche nelle altre categorie ovviamente, lo spettacolo non è affatto mancato. Nelle classi più piccole, vittoria in 60 Baby per Antonino Guerrera, attuale leader della classifica del Campionato Calabria Aci-Csai: il pilotino reggino corre da pochi mesi ma dimostra già un bel potenziale ed il fatto che sia andato bene nella sua prima gara cittadina, è un segno + scritto in maiuscolo grassetto. Dietro di lui la piccola lady da corsa Miriam Nisticò, simpatica e graziosa come sempre. Nella 60 Super-Baby, Antonino Piria ha prevalso davanti al bravo Avram Tsolov,rinnovando la consueta lotta di classe. Il pilotino tirrenico è apparso molto veloce e determinato sul suo nuovo kart Zanardi-Comer, per la gioia di papà Gaetano e dell’intera famiglia al seguito. Il suo grado di confidenza al volante cresce costantemente. Nella classe 100 Super vittoria per Michael Bruzzese, mentre nella 125 KF il Team di Sinopoli ha raccolto un’altra soddisfazione, con la vittoria di Vincenzo Rechichi davanti a Giovanni Ieracitano. Tornando alla classe 60 ma della categoria Mini, vittoria perentoria per Giovannino Puntorieri, autore di ottimi tempi spesso migliori di molti piloti con kart assai più potenti del suo, come dimostra chiaramente il suo 26 esimo posto assoluto. Seconda piazza per Sebastiano Alessi. Nella classe entry level 50 Promo, simpatica passerella per la piccola Giorgina Russo, figlia del noto esperto preparatore Domenico. Nella combattuta classe 125 Easy Driver, composta da ben 17 piloti, la vittoria è andata al roglianese (Cs)Gaetano Fabiano, davanti a Domenico De Maria che è incappato in due penalità, mentre il terzo posto è stato appannaggio dell’altro veterano Antonello Gramuglia. La classifica ha premiato ovviamente Gaetano Rechichi davanti a Rocco Giovinazzo, terzo posto per Francesco Crucitti, quarto per Michele Sciotto e quinto per Domenico Nasso. Peccato per il guaio tecnico che ha fermato Carmelo Barbaro, 20 anni di corse da festeggiare ad agosto, al suo ritorno alle gare dopo anni di stop. Il pilota bagnarese, pluri-vincitore di specialità, stava correndo alla grande in gara-2 quando il suo carburatore si è staccato costringendolo al ritiro: sarebbe stato nei piani alti della classifica. Il prossimo appuntamento con la velocità a ruote basse nelle strade di tutti i giorni è per il 23 agosto a Sinopoli. Tanta la gente che ha fasciato la pista di 880 metri ricavata attorno alla Piazza Amendola di Palmi, gente che ha premiato gli sforzi e la passione dei ragazzi del locale Team Rms: Domenico Barone, Bruno Crucitti, Antonio Surace, Alessandro Luppino, Gabriele Parisi, Domenico Cannistrà, detto Boeing 767, al traguardo dei 47 anni alla mezzanotte e festeggiatissimo durante tutto l’evento.

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano